FUCECCHIONLINE.com

Storia, arte e cultura

www.fucecchionline.com
Arte Cultura

Luoghi di culto -Complesso Corsini -Museo di Fucecchio -Padule di Fucecchio -Palazzo Della Volta
Fondazione Montanelli-Bassi - Arturo Checchi - Indro Montanelli: storia di un giornalista

L'Oasi Naturale del Padule di Fucecchio


Il Padule di Fucecchio è una zona umida di grande interesse naturalistico e costituisce, con i suoi 1800 ettari a cavallo fra le province di Firenze e Pistoia, la più grande palude interna italiana.

Situato tra la regione peninsulare di clima mediterraneo e quella continentale, il Padule permette la contemporanea presenza di piante adattate a climi diversi, alcune delle quali estremamente rare come:
l'utricolaria (Utricolaria australis), pianta carnivora flottante; il ninfoide (Nymphoides peltata); la salvinia (Salvinia natans)
felce acquatica natante, e gli sfagni (Sphagnum sp.), relitti di clima microtermico glaciale.

Per la sua collocazione geografica, fra le zone umide costiere e l'Appennino, il Padule costituisce una fondamentale area di sosta per gli uccelli migratori.

Le acque libere, i grandi canneti e le zone boscate ospitano numerose specie ornitiche (oltre 180 finora rilevate), soprattutto durante il passo primaverile e la stagione riproduttiva. Particolare rilievo assumono gli ardeidi che formano, ai margini del Padule, la garzaia (colonia di nidificazione) più importante dell'Italia centro-meridionale, sia per il numero delle coppie nidificanti che per la presenza contemporanea di quattro specie: la nitticora, la garzetta, la sgarza ciuffetto ed il rarissimo airone guardabuoi.
Il valore naturalistico di questa zona è incrementato dalla sua contiguità con altre zone di grande pregio: il Montalbano, le Colline delle Cerbaie ed il Laghetto di Sibolla.
Tuttora significative sono le testimonianze dell'opera dell'uomo e dell'importanza che l'area umida ha avuto nel passato per l'economia locale: i canali, il sistema dei porti, gli edifici dell'archeologia industriale come gli essiccatoi del tabacco o la fattoria del Capannone e, soprattutto, il Ponte di Cappiano. Ancora presenti, in forma residuale, sono le attività artigianali legate alla raccolta e intreccio delle erbe palustri (sarello, biodo ecc.).
 

   

   

Il Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio ha lo scopo di promuovere la valorizzazione e conservazione della qualità storiche, ambientali e naturalistiche del Padule di Fucecchio e del Lago di Sibolla, come aree umide di interesse nazionale ed internazionale.
Fra le attività del centro di particolare importanza è quella didattica poiché esso gestisce il Laboratorio per l'Educazione Ambientale ed organizza corsi di educazione permanente e corsi di aggiornamento per insegnanti.
Programma inoltre la fruizione dell'area protetta anche a fini turistici organizzando escursioni guidate rivolte sia alle classi scolastiche che ai gruppi di adulti.

 

foto di G. Pierozzi

 




fucecchionline.com 
®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001