www.fucecchionline.com

Arciconfraternita di Misericordia di Fucecchio

Home Page INDICE

Capitolo 15

CRONOLOGIA DEGLI AVVENIMENTI PIÙ’ IMPORTANTI



1506 (25 marzo) - Fondazione della prima confraternita di Misericordia nell’oratorio della Vergine delle cinque vie.

1790 - Soppressione della confraternita, unitamente a tutte le consorelle della Toscana, decretata dal granduca Pietro Leopoldo.

1857 (11 febbraio) - Restaurazione della confraternita, promossa dal canonico dott. Gaetano Maria Rosati, rettore dell’ospedale di S. Pietro Igneo e primo parroco di S. Maria delle Vedute.

1858 (29 luglio) - Approvazione governativa della fondazione della confraternita di Fucecchio.

1858 (24 settembre) - La confraternita di Misericordia di Fucecchio proclama propria patrona la Madonna di Piazza, venerata anche sotto il titolo di Liberatrice dalla feste.

1860 (1 agosto) - Il pontefice Pio IX concede ai fratelli e alle sorelle della confraternita di Misericordia di Fucecchio la indulgenza plenaria da 1ucrarsi in diversi giorni.

1865 (30 settembre) - Il vescovo di S. Miniato autorizza la confraternita ad erigere una cappella mortuaria in località “Le Macine” di Fucecchio.

1867 (7 febbraio) - La confraternita acquista lo stabile di via S. Andrea, già chiesa del monastero di S. Andrea ridotta ad abitazioni.

1874 (3 dicembre) - La Misericordia cede al Comune lo stabile pericolante di via S. Andrea e riceve in cambio il locale sul Poggio Salamartano, già sede dell’oratorio della Madonna della Croce e poi ridotto a bottaia del monastero, per restaurarlo e farne la propria cappella. Il detto stabile di S. Andrea rimane, fino alla sua demolizione, in uso alla Misericordia.

1874 (3 dicembre) - La Misericordia riceve in uso dal Comune la chiesa di S.Sa1vatore e riceve in proprietà la Madonna Liberatrice dalla peste, che viene collocata nella predetta chiesa.

1876 (123 febbraio) - Viene benedetto il ripristinato oratorio della Madonna della Croce, che
da allora si chiamerà oratorio o cappella della Misericordia.

1876 (26 dicembre) - La Misericordia prende in affitto una stanza e uno stanzino al 1° piano della foresteria del monastero di S. Salvatore.

1878 (22 agosto) - La Madonna Liberatrice dalla peste viene riportata definitivamente nella chiesa collegiata.

1888 - Diviene effettivo per la Misericordia l’uso della chiesa di S. Salvatore.

1900 (8 gennaio) - Stipulazione di una convenzione tra la Misericordia e le monache di S. Salvatore per il mantenimento da parte di queste del culto nella chiesa omonima.

1900 - La Misericordia acquista per lire 2000 l’intero stabile della foresteria del monastero di S. Salvatore.

1904 - La Misericordia prende in affitto i locali sul corso Umberto I di proprietà dell’Opera Pia Landini Marchiani per stabilirvi la propria sede succursale.

1905 - L’uso della chiesa di S. Salvatore da parte della Misericordia viene riconfermato dal Comune per un altro trentennio.

1915 La chiesa di S. Salvatore e la sede succursale della Misericordia in corso Umberto I sono occupate dalla autorità militare per alloggiarvi un distaccamento di soldati.

1917 (1 febbraio) - Viene proclamata patrona della Misericordia di Fucecchio la Madonna  di Lourdes, la cui festa cade il giorno 11 febbraio.

1920 - Vengono acquistati dall’Opera Pia Landini Marchiani i locali prima affittati in corso Umberto I. Spesa lire 16.000.

1920 (20 febbraio) - La chiesa di S. Salvatore, resa libera dopo l’occupazione militare, viene ripristinata al culto.

1921 - Vengono resi liberi anche i locali di corso Umberto I.

1923 - Viene acquistato e poi rivenduto lo stabile posto posteriormente a confine con i locali della Misericordia in  corso Umberto I.

1964 - La Misericordia istituisce il Gruppo donatori di sangue “Fratres”.

1979 - La Misericordia acquista una seconda autoambulanza.

 

Home Page INDICE




fucecchionline.com 
®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario