FUCECCHIONLINE.com

Storia, arte e cultura

www.fucecchionline.com
Indro Montanelli

Indro Montanelli - Storia di un giornalista

Indro Montanelli, toscano di nascita ma meneghino per scelta, nasce il 22 aprile 1909 a Fucecchio, un paese del Valdarno, a metà strada tra Pisa e Firenze.

Muore a Milano il 22 luglio 2001.
 

Indro Montanelli, storia di un giornalista

La Fondazione

Contributi Video - Audio

 

Insediato il Comitato Nazionale
per il Centenario della nascita di Indro Montanelli

Composto da rappresentanti delle Istituzioni, personalità del Giornalismo, docenti universitari e studiosi, ha approvato le linee generali del programma che si svilupperà tra gli ultimi mesi del 2008 e il 2009. Nominata la giunta esecutiva. La Presidenza onoraria a Paolo Mieli.

Si è insediato lunedì 7 aprile 2008, al Gabinetto Vieusseux, alla presenza del sottosegretario ai Beni e alle attività culturali Andrea Marcucci, il Comitato Nazionale per la celebrazione del centenario della nascita di Indro Montanelli (1909-2001). Il Comitato, sorto su proposta della Fondazione Montanelli Bassi e costituito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è composto da 37 membri tra cui i presidenti o direttori di prestigiose istituzioni (Francesco Sabatini per l’Accademia della Crusca, Roberto Stringa per la Fondazione Corriere della Sera, Enzo Cheli per il Gabinetto Vieusseux, Cosimo Ceccuti per la Fondazione Spadolini, Renzo Cremante per il Fondo Manoscritti dell’Università di Pavia, Gabriello Mancini, presidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena) e da rappresentanti di pubbliche amministrazioni (Matteo Renzi per la Provincia di Firenze, Claudio Toni, sindaco del Comune di Fucecchio, Letizia Moratti, sindaco del Comune di Milano, Silvio di Francia, assessore alle politiche culturali del Comune di Roma), oltre che da singoli studiosi, giornalisti e personalità del mondo della cultura e dell’informazione.

Presidente è stato nominato Alberto Malvolti della Fondazione Montanelli Bassi, mentre la presidenza onoraria è stata affidata a Paolo Mieli, direttore del Corriere della Sera, e la vicepresidenza a Mario Cervi. Faranno parte della giunta esecutiva, oltre ai due presidenti ed al vice, Letizia Moizzi, Francesco Sabatini, Pierluigi Ballini, Renzo Cremante, Roberto Stringa, Francesco Briganti.

Il programma prevede l'organizzazione di convegni che si terranno a Firenze, Milano e Roma, mostre itineranti, pubblicazioni e la realizzazione di documenti multimediali. Nei prossimi mesi sarà aperto un sito web con il programma completo.

Ecco la lista completa dei membri del Comitato:

Cosimo Ceccuti (per la Fondazione Giovanni Spadolini);
Roberto Stringa (per la Fondazione Corriere Sera);
Enzo Cheli (per il Gabinetto Vieusseux di Firenze);
Francesco Sabatini (per l’Accademia della Crusca);
Alberto Malvolti (per la Fondazione Montanelli Bassi);
Renzo Cremante (per il Fondo Manoscritti Università di Pavia);
Antonia Ida Fontana (Direttrice della Biblioteca Nazionale di Firenze);
Matteo Renzi (Presidente della Provincia di Firenze);
Claudio Toni (Sindaco del Comune di Fucecchio);
Letizia Moratti (Sindaco di Milano);
Silvio di Francia (Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Roma);
Gabriello Mancini (Fondazione Monte dei Paschi di Siena).
Francesco Briganti, Alberto Cheti, Andrea Cristiani, Adriano Lotti, (membri del Consiglio d’Amministrazione della Fondazione Montanelli Bassi).
Paolo Auteri, Pierluigi Ballini, Ludina Barzini, Fabrizio Bellini, Enzo Bettiza, Mario Cervi, Ferruccio de Bortoli, Carlo Freccero, Iside Frigerio, Laura Laurenzi, Giulia Massari, Paolo Mieli, Ettore Mo, Letizia Moizzi, Francesco Perfetti, Gianfranco Ravasi, Sergio Romano, Cesare Romiti, Giovanni Sartori, Andrée Shammah.

 




fucecchionline.com 
®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001