sezione P                                           Indice sezione  P-Q                               Indice generale

Poggio Salamartano: mistero svelato (1793)

Nel tratto iniziale della strada che da piazza Garibaldi porta sull'ammattonato del Poggio Salamartano, vi era un rettangolo di terreno di mt 15x9 sterrato e delimitato da un cordolo di pietra sui due lati che toccavano la strada: gli altri due lati erano a confine col muro castellano e col muretto delle scarelle.
Nessuno sapeva spiegarsi il perché di questo tratto sterrato. Qualcuno avanzava l'ipotesi che vi fosse ancora l'ossario del cimitero della Compagnia di S. Giovanni Battista che aveva la sua chiesa quasi a confine.
L'enigma è stato svelato dall'architetto Francesco Dei. Quel pezzo di terreno era stato acquistato nel 1793 dal sig. Michele Casini per 50 scudi fiorentini. Il Casini avrebbe voluto costruirvi un'abitazione, ma il Comune non gli dette il permesso per la decisa opposizione dell'arciprete della Collegiata. Quel fabbricato avrebbe tolto molta luce alla canonica.
Trattandosi di una proprietà privata nessuno poteva né toccare né tanto meno lastricare quel pezzo di terreno sterrato.
Nel 1985, ignara di ciò, la nostra amministrazione comunale prescrisse all'impresa Bruno Placidi la lastricatura dell'ex proprietà di Michele Casini.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario