sezione P                                           Indice sezione  P-Q                               Indice generale

Pievano eletto dal Comune (1439)

Nel 1439 il nostro Comune inform˛ l'episcopessa di Fucecchio e cioŔ la badessa delle clarisse di Gattaiola in Lucca che voleva eleggere il pievano. Senza attendere la risposta dell'episacopessa, cui competeva la facoltÓ di ratificare o meno le nomine dei pievani, il nostro Comune, in un'adunanza popolare elesse a pievano con 94 voti favorevoli e 7 contrari padre Antonio di Nanni di Muccio, monaco vallombrosano di Fucecchio.
L'episcopessa and˛ su tutte le furie e minacci˛ l'annullamento della nomina. Il Comune, allora, mand˛ a Lucca alcuni ambasciatori muniti di credenziali a conferire con l'episcopessa. Gli ambasciatori avanzarono questa proposta:
- In avvenire il Comune Le proporrÓ un suo candidato. Se il candidato sarÓ di suo gradimento verrÓ eletto; altrimenti il Comune proporrÓ altri candidati fino a che lei, episcopessa, non individuerÓ quello di sua fiducia.
L'episcopessa accolse favorevolmente la proposta degli ambasciatori di Fucecchio ed approv˛ anche la nomina del vallombrosano fucecchiese a pievano della nostra parrocchia.
In virt¨ della proposta dei Fucecchiesi, l'autoritÓ dell'episcopessa non sarebbe stata mai pi¨ intaccata.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  «  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ esclusivamente sulla base della disponibilitÓ del materiale.
Pertanto, non Ŕ un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario