sezione P                                           Indice sezione  P-Q                               Indice generale

Pievano, a chi aspettava la nomina (1088-1258-1325-1622)

La nomina dei pievani della parrocchia di S. Giovanni Battista (oggi Collegiata), istituita nel 1088, spettava all'abate dei vallombrosani del monastero di S. Salvatore di Fucecchio.
Essi esercitarono questa facoltà fino al 1258, l'anno in cui dovettero abbandonare, per volontà pontificia, il nostro Monastero.
Dal 1258 al 1299 i pievani furono nominati dalle episcopesse di Fucecchio e cioè dalle badesse del Convento delle clarisse di Gattaiola in Lucca.
Dal 1299 al 1325 i pievani vennero nominati, su delega dell'episcopessa di Fucecchio, dai guardiani dei padri conventuali OFM che si erano stabiliti nel monastero di S. Salvatore.
Dal 1325 al 1622 il potere di nominare i pievani se lo arrogarono gli Anziani del Comune di Fucecchio. In una lettera del 3 settembre 1552 il neoduca Cosimo I dei Medici riconobbe ufficialmente agli Anziani il diritto di eleggere il pievano con queste testuali parole:
" ...voi siete i padroni di detta Pieve di S. Giovanni Battista e soliti di eleggere il rettore e pievano di essa quando occorre la vacazione "
Questo diritto degli Anziani decadde a partire dal 1622, l'anno in cui venne eretta la diocesi di S. Miniato della quale fece parte anche la nostra Pieve. E questa volta gli Anziani furono surrogati e per sempre dai vescovi di S. Miniato.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario