sezione P                                           Indice sezione  P-Q                               Indice generale

Petrella Guido (1321)

Nel 1320 Castruccio Castracani venne proclamato Principe dello Stato di Lucca. Questa nomina e la sottomissione, giÓ avvenuta, dei castelli di Cappiano e di S. Maria a Monte misero in allarme Firenze e tutti quei comuni che volevano salvaguardare la propria libertÓ e la propria autonomia.
Appena Castruccio, nel 1321, si allontan˛ da Lucca per portarsi a Genova a dare man forte al proprio esercito impegnato in una ennesima guerra, i Fiorentini organizzarono un esercito, comandato da Guido della Petrella, riconquistarono i castelli della Valdinievole e sbaragliarono le truppe di Arrigo, figlio di Castruccio, a Borgo a Buggiano.
Castruccio, allora, ritorn˛ in Toscana deciso ad infliggere una sonora sconfitta ai Fiorentini accampati nella Valdinievole. Lo scontro frontale era previsto a Montevettolini per l'8 giugno 1321.
La notte del 7 giugno, Guido Petrella, resosi conto di essere impreparato a sostenere lo scontro frontale con Castruccio Castracani, ricorse ad uno strattagemma: il comandante fiorentino fece raccogliere sterpi e fascine, li dissemin˛ i numerosi punti del campo e poi diede loro fuoco per far credere a Castruccio che di lý a poco avrebbe attaccato battaglia. Mentre Castruccio predisponeva le proprie truppe per contrastare l'attacco dell'esercito fiorentino, il Petrella dirott˛ l'esercito in parte a Carmignano ed in parte a Fucecchio.
Il mattino dell'8 giugno, Castruccio, schiumante di rabbia, invase il Valdarno scorrazzando e devastando le campagne; ma non os˛ attaccare Fucecchio. Le scorribande di Castruccio durarono un mese: poi rientr˛ a Lucca. E noi fucecchiesi tirammo un bel respiro di sollievo.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  «  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ esclusivamente sulla base della disponibilitÓ del materiale.
Pertanto, non Ŕ un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario