sezione P                                           Indice sezione  P-Q                               Indice generale

Palazzo Pretorio (cronistoria) 1306

Il Palazzo Pretorio si trova, integro, in Piazza Vittorio Veneto ed è facilmente riconoscibile perché è l'unico dotato di una loggia anche se mutilata di un braccio.
Esso venne inaugurato il 23 gennaio 1306. Era formato da una Loggia a forma di L e dal solo primo piano.
Al piano terra, sul retro e a fianco della Loggia, vi erano le celle per i carcerati.
Al primo piano si trovavano la Sala delle udienze, gli uffici e l'appartamento del Podestà (giudice).
Nel 1753, sopra l'ala destra del Palazzo Pretorio, venne costruito dall'Accademia dei Fecondi un TEATRO lungo 26 metri e largo 13. Esso si componeva di palcoscenico, di orchestra, di platea e di palchetti.
Il 1° giugno 1776 il Palazzo venne rialzato di un piano.
Nel 1780 il Palazzo Pretorio diventò Palazzo Vicariale.
Il Podestà venne surrogato dal Vicario Regio che poteva istituire processi civili e criminali.
Il Vicariato serviva le popolazioni di Fucecchio, Cerreto Guidi, Vinci, Santa Croce, Castelfranco, S. Maria a Monte e Montecalvoli.
Dal 1799 al 1814 il Palazzo Vicariale diventò Palazzo del Maire francese che fece abbattere la Cappella del Carcere e gli stemmi gentilizi.
Dal 1814 al 1860 ritornò ad essere Palazzo Vicariale.
Dal 1860 al 1883 diventò sede della Pretura del Mandamento di Fucecchio.
Dal 1883 al settembre 1954 il Palazzo Pretorio venne ridotto a Caserma dei Carabinieri.
Dal 1954 al 1980 il Palazzo fu ridotto a condominio riservato alle famiglie sfrattate e a sede della Filarmonica locale Alessandro Mariotti.
Nel 1985 il Palazzo è stato consolidato e ricoperto con tetto nuovo.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario