sezione P                                           Indice sezione  P-Q                               Indice generale

Pace di Montopoli 1329

Generalmente la firma di un trattato di pace sancisce la fine di una guerra. Anche la PACE DI MONTOPOLI, firmata il 12 agosto 1329, segnò la fine di una contesa..militare.
Un anno prima, nel 1328, era morto improvvisamente, a 47 anni, a causa di una malattia, Castruccio Castracani, Signore di Lucca e Vicario Imperiale.
Subito dopo la morte di Castruccio, Ludovigo il Bavaro lasciò Roma e prese possesso di Pisa e di Lucca esautorando i figli di Castruccio Castracani ai quali, però, sborsò una grossa rendita. Non soddisfatto, il Bavaro saccheggiò e devastò i castelli della Valdinievole affidandoli poi a presidi tedeschi. Poi insediò a Pescia il fiorentino Federico di Lapo degli Umberti, con il titolo di Vicario Imperiale e con giurisdizione su tutta la provincia.
Di fronte al pericolo di rappresaglie tedesche i sindaci di Pescia, Buggiano, Massa e Cozzile formarono una Lega e chiamarono in loro aiuto Marco Visconti di Milano. Il Visconti venne in Toscana e costrinse il Bavaro a fuggire da Lucca e dalla Valdinievole.
Il Visconti rifiutò la carica di Signore di Lucca e preferì vendere la città (di Lucca) per 30.000 fiorini d'oro a Gherardo Spinola di Genova.
Pistoia e la Lega di Pescia si riunirono per decidere se seguire il nuovo Signore di Lucca o allearsi con la Repubblica Fiorentina. I Comuni della Valdinievole preferirono sottomettersi alla Repubblica Fiorentina.
Firenze, intanto, inviò contro Pisa, colpevoledei maneggi intercorsi con i tedeschi per la vendita di Lucca allo Spinola,un esercito al comando del conte Beltramo del Balzo.
I pisani, allora, chiesero a Firenze di fare la pace. Firenze accettò. La PACE venne firmata a Montopoli il 12 agosto 1329.
Anche Fucecchio, rappresentato dal notaro Ser Vanni di Forte prese parte a questo grande evento e ne trasse dei vantaggi. Infatti, per effetto della PACE DI MONTOPOLI

- tutti i fucecchiesi prigionieri, quelli in ostaggio di Pisa e quelli che erano stati banditi dal paese poterono ritornare a Fucecchio;
- coloro ai quali erano stati confiscati i beni ne rientrarono in possesso;
- tutti i beni tolti dai pisani a Fucecchio furono integralmente restituiti.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario