sezione O                                           Indice sezione  O                               Indice generale

Orologio della Cancelleria viene spostato (1693)

La facciata della Cancelleria (il palazzo comunale che guardava il Palazzo Pretorio) era sovrastata dalla Torre dell'Orologio con quadrante e campana (la ex martinella). La vita dei fucecchiesi era scandita dall'orologio della cancelleria.
Nel 1650 la torre della Cancelleria cominci˛ a dare dei segni di instabilitÓ e venne dichiarata pericolante. Nel 1682 fu dichiarata cadente.
Nel 1684 la torre della cancelleria venne demolita. L'orologio con tutti i suoi marchingegni fu sistemato in una stanza della cancelleria in attesa di essere riassemblato.
I fucecchiesi cominciarono a reclamare la presenza dell'orologio. Ma dove poteva essere collocato?
A quel tempo la facciata della Pieve di S. Giovanni (Collegiata) guardava il Monte Pisano e perci˛ fu esclusa la possibilitÓ di collocarvelo. L'orologio doveva guardare la Piazza per il comodo dei cittadini. Non vi erano che due possibilitÓ: o sistemarlo sul retro della chiesa o sulla parte alta del campanile della medesima. Il campanile , addossato alla parte posteriore della chiesa, guardava sulla Piazza.
Inizialmente ci si orient˛ sulla parte posteriore della chiesa; poi, nel 1685, venne scelto il campanile.
Il campanile , per far posto all'orologio della Cancelleria, venne consolidato e rialzato di 7 metri.
Il 24 giugno 1693 l'orologio, dall'alto del campanile, ricominci˛ a scandire le ore e, quindi, la vita dei fucecchiesi.
Nel 1782 il campanile della pieve-collegiata venne demolito ed il povero orologio dovette di nuovo sloggiare. Venne sistemato sulla parte alta della torre civica, l'ex campanile della chiesa di S. Salvatore passato in proprietÓ alla Collegiata per volere del granduca Leopoldo I░.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  «  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ esclusivamente sulla base della disponibilitÓ del materiale.
Pertanto, non Ŕ un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario