sezione O                                           Indice sezione  O                               Indice generale

Ordinazioni o regole del Ritiro Francescano di Fucecchio (1736-1789)

A Fucecchio vi era fin dal 1619 un Convento OFM di frati zoccolanti che cercavano di rispettare la Regola di S. Francesco.
Col passare degli anni e dei secoli le maglie delle Regole si allargano e molte volte si adattano alle fisime e alle debolezze degli esseri umani. Dello smagliamento della Regola francescana erano consapevoli i vertici dell'Ordine OFM. Per non spaventare tutti i frati professi vennero istituiti in alcuni Conventi dei Ritiri, che erano forme di vita francescana più conformi allo spirito di S. Francesco e disciplinate da Regole ben precise chiamate Ordinazioni.
Nessuno era obbligato a vivere in un Ritiro. I frati "vocati" al Ritiro dovevano avanzarne richiesta: gli altri potevano trasferirsi in un altro Convento.
Il Ritiro francescano a Fucecchio venne istituito dal Definitorio Provinciale O F M nel 1736.
La vita della nuova famiglia francescana del Convento La Vergine di Fucecchio - tutti i frati del nostro Convento se ne andarono -, affidata alla Guardiana di padre Teofilo da Corte (1736-1740) venne regolata 12 Ordinazioni o Regole.
Queste le Ordinazioni che restarono in vigore fino al 1789, l'anno in cui vennero surrogate dalle Costituzioni:

1-Le Ordinazioni devono essere lette in Refettorio una volta al mese.

2- Le ore canoniche o del Coro (vedi in calce), da recitarsi a voce alta, rispetteranno il seguente orario:
- da mezzanotte alle ore1,15 recita del Mattutino
- le Ore Minori devono durare un quarto d'ora
- il Vespro deve durare almeno mezz'ora
- i frati sacerdoti recitano le ore canoniche in Coro; i frati laici davanti all'altare.

3- Sono obbligatorie 2 ore e mezza di meditazione quotidiana: (un'ora dopo Mattutino; mezz'ora dopo Prima; un'ora dopo Compieta)
la Disciplina deve essere fatta dopo Mattutino nei giorni dispari.
La Colpa si dirà tre volte alla settimana nella sala del capitolo.
Sono obbligatorie quattro lezioni settimanali di mezz'ora secondo questo calendario:
lunedì: spiegazione della Regola
martedì: mistica
mercoledì: catechismo ai laici
sabato: casi di coscienza

4- Dopo Nona tutti andranno a pranzo processionalmente cantando il Misere.
Per il pranzo sono previsti: un primo, un secondo, frutta e formaggio.
A cena è proibito l'uso della carne.
Durante la Mensa si faranno due Letture:
il Lettore leggerà la Bibbia;
gli altri frati, a turno, leggeranno testi edificanti.
Il Venerdì verranno letti la Regola e il Testamento di S. Francesco.
In Avvento e in Quaresima verranno lette le Costituzioni Generali e le Dichiarazioni Pontificie.
Una volta l'anno deve essere letta la Disciplina di S. Bonaventura.
Dopo la Mensa si renderanno i ringraziamenti tornando in Coro cantando il Miserere, dopo il pranzo, e il De profundis, dopo cena.

5- Deve esser fatta la Quaresima della Benedetta secondo le seguenti modalità:

1- Il Venerdì Santo si mangia in terra con una sola porzione d'insalata cruda, pane e vino.
2-Il venerdì di mezzo e per le vigilie delle feste della Madonna, di S. Francesco e di S. Antonio si mangia in terra con due porzioni.
3- Durante gli Esercizi Spirituali, ogni mattina, si dice la Colpa ed ogni notte si fa la Disciplina. Il primo e l'ultimo giorno si mangia in terra.
4- Dopo il Ringraziamento della Mensa si va tutti in cucina a lavare le stoviglie.
5- Il sabato, tutti i frati devono scopare il Convento.

6- Devono essere osservati il SILENZIO e la ritiratezza secondo queste prescrizioni:

- E' proibito parlare in chiesa, in sagrestia, nel chiostro e nel dormitorio.
- E' proibito parlare con le donne.
- E' proibito entrare nella cella di un altro frate
- E' proibito sparlare degli altri Conventi
- E' proibito l'esorcismo.

7- La PORTA del Convento sia sempre chiusa a chiave sia di giorno che di notte a cura del padre portinaio, unico custode della chiave.
Nessuno può mangiare nel Refettorio con i frati.
E' proibita la presenza di estranei nel Convento.

8- Non devono essere accettati né denari né prenotazioni di Messe.

9- La questua di quel che occorre deve essere fatta giornalmente e non per tutto l'anno.

10- Le CELLE devono essere sempre aperte e pulite e devono contenere soltanto il vestiario necessario. Esse verranno visitate dal guardiano e da due Discreti una volta al mese.
I frati devono radersi e farsi la chierica ogni 15 giorni.
E' consentito l'uso del tabacco da fiuto, ma non in pubblico.

11- Nelle feste di precetto il Sermone tenuto dal religioso incaricato dal Guardiano non deve durare più di mezz'ora.
La seconda domenica del mese si faccia la processione del Terz'Ordine.

12- I frati potranno uscire a passeggio fuori del Convento ogni 15 giorni e sempre accompagnati.
Le lettere in partenza e quelle in arrivo devono essere lette in anteprima dal guardiano.

ORARIO del CORO

ore 24 : recita del Mattutino e 1 ora di Meditazione
ore 4 : recita di Prima e mezz'ora di Meditazione
ore10,45 : recita di Sesta e Nona
ore 13,30 : recita di Compieta e un'ora di Meditazione




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario