sezione O                                           Indice sezione  O                               Indice generale

Oratorio e ospedale di S. Margherita martire (1294)

Il 22 settembre 1294, il fucecchiese Ruffino Lettieri, eletto fresco fresco arcivescovo di Milano, fece testamento.
Per assicurare il mantenimento dell'ospedale e della chiesa di S. Margherita martire, da lui fondati, lasci˛ a coloro che li avrebbero gestiti il Castello di Nischieta con terre, vigne e rendite e altre case in Fucecchio.
Inoltre vincol˛ i suoi eredi ad erogare annualmente somme in denaro a vantaggio dell'ospedale.
Il Maestro della Casa ed il Priore dei frati predicatori di Lucca furono incaricati di designare gli ospitalieri e i cappellani che si sarebbero alternati nella cura dell'ospedale.
Il Maestro ed il Priore avrebbero dovuto ascoltare anche il parere di Enrico da Fucecchio.
Dell'ospedale od ospizio, formato da due camere, una grande con 16 letti riservati ai poveri ed una piccola con 4 letti riservati ai frati predicatori di Lucca non Ŕ rimasta che l'intitolazione di un vicolo sulla destra della chiesa-oratorio di S. Margherita: Vicolo dello Spedalino.
Della chiesa di S. Margherita Ŕ rimasto, invece, il fabbricato posto sulla biforcazione di via Machiavelli e via Donateschi.
Questa chiesa Ŕ stata officiata fino agli inizi del 1900. Prima che fosse ridotta, verso il 1910, a negozio di drogheria e ferramenta, la chiesa assolse ad un'altra pietosa funzione: d'estate diventava la stanza mortuaria per gli affogati nelle acque dell'Arno: da qui la nuova intitolazione di Chiesa degli affogati.
In questo ultimo decennio il fabbricato dell'antica chiesa di S. Margherita martire ha ospitato un negozio di antiquariato, la Bancarella, e una Enoteca, Il Cipresso.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  «  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ esclusivamente sulla base della disponibilitÓ del materiale.
Pertanto, non Ŕ un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario