sezione O                                           Indice sezione  O                               Indice generale

Oratorio di S. Maria Assunta di Cappiano (1698)

Il 17 settembre 1698, il granduca mediceo Cosimo III° decretò che venisse costruito a Cappiano un Oratorio del tutto simile a quello eretto presso la Fattoria di Stabbia.
In seguito, per comodo della popolazione, fu stabilito che vi fosse celebrata la Messa tutti i giorni festivi dell'anno. All'officiante veniva corrisposto un compenso annuo di 12 scudi: 6 per le Messe e 6 per l'insegnamento della dottrina cristiana ai contadini e alle altre persone che vi volessero presenziare. Nel 1708 il compenso venne elevato a 24 scudi.
Grazie ad un inventario fatto stilare dal vescovo di S. Miniato monsignor Bruno Fazzi, possiamo renderci conto degli arredi presenti nella chiesa e nella sagrestia.
In CHIESA vi erano:
- 14 quadretti della Via Crucis
- due paraventi all'uscio di sagrestia
- un confessionale all'ingresso dell'Oratorio
- due panche
- un inginocchiatoio
- quattro candelieri di legno intagliati e logori
- alcuni palliotti
- un candeliere d'ottone ed un altro con croce sopra l'altare.

In SAGRESTIA vi erano:
- 3 sedie con braccioli
- un quadro raffigurante Gesù
- pianete, camici, cotte e corporali
- 2 messali per vivi e 2 messali per morti
- 8 candelieri di legno inargentati
- una croce nera d'albero
- un braccio di ottone per la lampada.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario