sezione M                                           Indice sezione  M-N                               Indice generale

Monumento a Giuseppe Montanelli (1892)
 

Fin dai primi mesi del 1890 il nostro Comune aveva programmato, in vista del 30░ anniversario della morte del suo pi¨ illustre cittadino, Giuseppe Montanelli - professore universitario, patriota, primo ministro del granducato di Toscana, triumviro della Repubblica Toscana, deputato del Regno d'Italia, poeta, scrittore, storico, drammaturgo, giornalista - l'erezione di un monumento in suo onore in piazza delle Vedute.

Il monumento venne commissionato allo scultore fiorentino prof. Raffaello Romanelli.
Per sopperire alle non indifferenti spese per l'approntamento della statua (2.4000 lire) e a quelle per i festeggiamenti, venne istituito un Comitato la cui presidenza venne affidata al conte Antonio Fantoni.
Il 30░ anniversario della morte cadeva il 17 giugno 1892, ma questa data fu scartata perchÚ, nonostante la generositÓ della popolazione, il Comitato non disponeva nÚ delle 2.400 lire per pagare lo scultore Romanelli nÚ di un palazzo dove ospitare convenientemente personalitÓ illustri come Sidney Sonnino, Crispi, Nicotera, Ferdinando Martini, GiosuŔ Carducci, Renato Fucini e Alessandro d'Ancona.

Il 21 giugno 1892 la SocietÓ Operaia notific˛ al conte Antonio Fantoni che avrebbe messo subito a disposizione del Comitato le 2400 lire richieste dallo scultore. Il Romanelli, che non aveva peli sulla lingua, aveva avvisato chi di dovere che lui non avrebbe spedito la statua di Montanelli, pronta da diversi mesi, se prima non fosse stato pagato.
Il 7 luglio il Comune fece affiggere il manifesto con il programma dei festeggiamenti a corredo dell'inaugurazione del monumento a Giuseppe Montanelli che sarebbe avvenuta il 17 luglio 1892.

La domenica mattina del 17 luglio, alle ore 10, ci fu il CORTEGGIO. Partý da via Lamarmora e percorse Borgo Valori, piazza Vittorio Veneto, via S. Giovanni, via Clorinda Soldaini, via S. Andrea; da qui ritorn˛ indietro, scese per via Donateschi, svolt˛ in via Arturo Checchi, entr˛ in corso Matteotti e si diresse nell'attuale piazza Montanelli.
A conclusione del corteggio venne scoperto il monumento alla presenza di tutta la popolazione e degli invitati.
Alle 13,30 ci fu un sontuoso banchetto nel salone delle feste del Regio Teatro Pacini.
Alle ore 19 si svolse la corsa dei cavalli.
Alle ore 21 la piazza venne illuminata a giorno dal sig. Sandri di Pescia.

Il lunedý mattina del 18 luglio, alle ore 10, nel Teatro Pacini venne pronunciato il discorso commemorativo del 30░ dal Prof. Cav. Avv. Gaetano Pini.
Alle ore 19 ci fu un'altra corsa di cavalli.
Alle ore 20,30 vennero fattii fuochi d'artificio nella neonata piazza dell'Ospedale.

In entrambi i giorni il servizio musicale fu effettuato da otto Bande:
1- quella di Rigoroso
2- quella di Sant'Anna di Pisa
3- quella di Monsummano
4- quella di S. Maria a Monte
5- quella di S. Miniato
6- quella di Cerreto Guidi
7- quella di S. Croce sull'Arno
8- quella di Fucecchio
La Filarmonica di Rigoroso, comune di Arquata Scrivia in provincia di Alessandria, intervenne ai festeggiamenti a spese proprie per iniziativa del suo direttore Antonio Guasqui, fucecchiese, meglio conosciuto come Tonino di Trana.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  «  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ esclusivamente sulla base della disponibilitÓ del materiale.
Pertanto, non Ŕ un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario