sezione M                                           Indice sezione  M-N                               Indice generale

Montanelli Giuseppe: baritono (1879-1963)

Il baritono Giuseppe Montanelli era il fratello di Sestilio, il padre del noto giornalista Indro Montanelli.
Nonostante i suoi successi canori in Italia e nell'America Latina, il nostro grande baritono trascorse gli ultimi anni della sua vita in francescana povertà. Lo si poteva vedere ogni giorno alla bancarella del pesce di mare intento ad incartare il pesce per una misera mancia che gli veniva corrisposta dal venditore.
Fino a che gli "aveva retto" la voce, aveva potuto integrare la magrissima pensione con le lezioni private di canto a tenori, baritoni e bassi della zona (Tavolari, Spagli, Panconi, Taddei..) nella sua viareggina di via Mazzini.
Rimasto vedovo e senza figli, Giuseppe Montanelli morì il 4 gennaio 1963.
Fucecchio non gli riservò particolari onoranze funebri.
La viareggina del baritono, per sua volontà testamentaria, "toccò" al nipote Indro Montanelli.
La memoria storica del grande baritono fucecchiese venne rispolverata nel 1965 da Ornato Brucci, tappezziere, Presidente de'Associazione Lirico Sinfonica Fucecchiese, vicepresidente della Banda ed apprezzato musicologo.
Il Brucci riuscì ad ottenere una commemorazione televisiva nella rubrica CRONACHE ITALIANE.
Nedo Guerrieri realizzò nella bottega del Brucci una ripresa televisiva condotta da Massimo Valentini.
Il Valentini intervistò Ornato Brucci e il tenore Luigi Tavolari, ex allievo di "Beppe" Montanelli.
Il Brucci tracciò a grandi linee la biografia di Giuseppe Montanelli.
Giuseppe Montanelli era nato il 14 febbraio 1879 in via Arturo Checchi, 19.
Si era sposato a Cerreto Guidi con Elisa Turini il 30 agosto i902.
Aveva debuttato a Empoli nel 1906 con l'Amico Fritz.
Nel 1916 cantò alla Scala di Milano in Aida e successivamente in Isabeau.
Nel 1926-1927 interpretò il ruolo di Rigoletto nell'omonima opera nel Teatro Trianon di Buenos-Aires dove si esibì anche nei Pagliacci.
Il tenore Luigi Tavolari illustrò le qualità canore di Giuseppe Montanelli.
Il servizio televisivo venne trasmesso il 15 novembre 1965.
Il 9 gennaio 1966, sempre su iniziativa di Ornato Brucci, presente Indro Montanelli con la madre, venne scoperta una lapide commemorativa fissata sulla facciata della casa natìa, in via Arturo Checchi.
Il testo della lapide fu dettato dal rag. "Olintino" Bagnoli, emerito violinista.

AL BARITONO CONCITTADINO
GIUSEPPE MONTANELLI
CHE L'ARTE DEL BEL CANTO
IN MODO ECCELSO DIVULGO'
IN ITALIA E NEL MONDO
QUI OVE NACQUE
FUCECCHIO A PERENNE MEMORIA
NEL III° ANNIVERSARIO
DELLA MORTE. 4-1-1966




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario