sezione M                                           Indice sezione  M-N                               Indice generale

Monaci cacciati da S. Salvatore (1294)

Nel 1258 i monaci vallombrosani, su ingiunzione del pontefice, erano stati costretti ad abbandonare il Monastero di S. Salvatore che era stato concesso, con tutti i suoi beni, alle monache clarisse di Gattaiola di Lucca.
Nel 1266 i monaci vallombrosani rientrarono alla chetichella nell'Abbazia di S. Salvatore grazie alla protezione di Guido Novello, podestÓ di Firenze e nemico giurato di Lucca e anche di Fucecchio, sotto Lucca, l'unico castello che Guido non era riuscito ad espugnare.
I monaci vallombrosani rientrati erano intenzionati a rimanervi per sempre; ma di questo avviso non erano le monache di Gattaiola.
Quando la badessa di Gattaiola di Lucca si rese conto che i buoni uffici, gli inviti e le minacce non risortivano alcun effetto, si rivolse al lucchese Ser DINO, un uomo di pochi scrupoli, e lo autorizzarono ad estromettere sia pure con l'uso della violenza i Vallombrosani dall'Abbazia di S. Salvatore di Fucecchio.
I monaci lo seppero e fecero venire a Fucecchio l'Abate Maggiore di Vallombrosa, il monaco Valentino.
Il 16 novembre 1294, Ser DINO e una moltitudine di lucchesi da lui assoldati circondarono il monastero, vi penetrarono dentro e, facendo uso della violenza, cacciarono via i monaci, l'abate di Fucecchio, quello di Vallombrosa e quanti altri vi si trovavano dentro.
I fucecchiesi assistettero impotenti a questa operazione militare pur parteggiando per i monaci.
Di questo evento esiste una cronaca molto particolareggiata.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  «  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ esclusivamente sulla base della disponibilitÓ del materiale.
Pertanto, non Ŕ un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario