sezione M                                           Indice sezione  M-N                               Indice generale

Millenario della chiesa di S. Salvatore: cronaca del pranzo (1986)

Alle ore 12,45 di domenica 13 aprile 1986, mezz'ora dopo il termine della Messa del Millenario della chiesa di S. Salvatore, i 41 membri del Comitato per la celebrazione di questo evento straordinario hanno potuto varcare la soglia della porta di clausura che immette all'interno del Monastero dove dal 1785 alloggiano le ex clarisse del Monastero di S. Andrea.
I 41 membri del Comitato e i concelebranti sono stati accompagnati nel seicentesco refettorio del Monastero per consumare il pranzo organizzato in loro onore dalle clarisse.
Il refettorio (1679) lungo 20 metri e largo 10 presenta sulla parete di fondo un grandioso affresco dell'Ultima Cena in perfetto stato di conservazione.
Addossato alla parete destra c'Ŕ un pulpito dall'alto del quale, le monache, a turno, leggono testi religiosi durante la consumazione del pranzo e della cena.
Non sono mancati, in questo pranzo, gli aperitivi costituiti da bevande alcooliche e non e da salatini sistemati su di un tavolo prospiciente il lavabo in pietra del refettorio.
Queste le portate:

- Antipasti: prosciutto, salame, sott'oli e sottaceti
- Primi: pastasciutta al sugo, pasta al burro, minestrina
- Secondi: rosbiff con piselli, arrosto misto con patate e insalata
- Dolci: croccanti e torta- gelato preparati dalla suore.

Il servizio di camerieri Ŕ stato svolto da Amedeo Boldrini e da sua moglie, da Berta Berti nei Donati, da suor Carla (una insegnante di scuola materna) e da Adolfina, la custode della foresteria.
Al termine del pranzo i membri del Comitato hanno potuto visitare il Monastero: la sala capitolare, le celle, il coro delle monache, il coro della chiesa, la cucina e il chiostro.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  «  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ esclusivamente sulla base della disponibilitÓ del materiale.
Pertanto, non Ŕ un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario