sezione M                                           Indice sezione  M-N                               Indice generale

Massarella: passa sotto la diocesi di Pescia (1785)

Fin dalla sua nascita, la Pieve di S. Maria di Massarella (998) aveva fatto sempre parte della diocesi di Pistoia.
Le altre pievi del nostro territorio comunale, fino al 1622, erano state sempre sotto la diocesi di Lucca; poi erano state inserite nella diocesi di S. Miniato.
Nel 1780 il nuovo vescovo di Pistoia, monsignor Scipione Ricci, promosse il riordinamento del territorio diocesano basato sul criterio di far coincidere i confini della giurisdizione ecclesiale con i confini della giurisdizione civile del territorio pistoiese.
Naturalmente al vescovo di Pistoia non sfuggì la situazione anomala della parrocchia di Massarella.
Con il consenso unanime dei vescovi di Pistoia, Pescia, S. Miniato, del granduca Leopoldo I° e del Pontefice venne ridisegnata questa carta ecclesiale :
- la diocesi di Pistoia avrebbe ceduto a quella di S. Miniato le parrocchie di Massarella, Vinci, S. Donato in Greti, S. Ansano in Greti;
- la diocesi di S. Miniato avrebbe ceduto a quella di Pescia le parrocchie di Altopascio, di Orentano e di Galleno.
Questo accordo dei vertici, conclusosi nel 1783, fu avversato dalle popolazioni interessate.
Di fronte alle rimostranze delle popolazioni i vertici furono costretti a far marcia indietro.
Appena il vescovo di Pescia, monsignor Francesco Vincenti, si mostrò disponibile ad accogliere Massarella nella sua diocesi, raccolse immediatamente il favore entusiastico di tutti i massigiani.
I massigiani motivarono così la loro propensione per Pescia:
- Per raggiungere la Curia di S. Miniato dobbiamo attraversare il Lago di Fucecchio e l'Arno che sono sprovvisti di ponti. D'inverno il disagio è ancora maggiore perché molte volte i traghettatori non possono attraversare il fiume Arno. E se avessimo urgente bisogno di un certificato curiale?
Di fronte a siffatta motivazione tutti chinarono la testa.
Il 9 aprile 1785 fu rogato l'atto con cui il vescovo di Pistoia cedeva alla diocesi di Pescia la parrocchia di S. Maria di Massarella.




fucecchionline.com  di  G. Pierozzi  ®  2002 / 2015

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario