www.fucecchionline.com

Fucecchio: Sant'Andrea, monumenti del centro storico

Home Page INDICE
Area del Poggio Salamartano
PAVIMENTAZIONE  DEL POGGIO SALAMARTANO


 

Sabato 8 giugno 1985, alle ore 10,45, si svolse la cerimonia di inaugurazione della pavimentazione in laterizio del Poggio Salamartano che è diventato il "salotto bono" di Fucecchio. Le autorità furono sistemate sotto il loggiato della chiesa di S. Salvatore sferzato da raffiche impetuose di vento. Gli oratori ufficiali furono:
- il sindaco Ferdinando Biondi;
- il Presidente della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia la quale finanziò quasi in toto i lavori di pavimentazione;
- il Presidente della Sezione locale di Italia Nostra, l'avvocato Piero Malvolti, il promotore instancabile di questa operazione urbanistica che ha trasformato l'area del Poggio Salamartano sterrata e sconnessa in un autentico salotto.
Il progetto di sistemazione del Poggio Salamartano venne elaborato dall'Ufficio Tecnico Comunale. Esso prevedeva:
- la PAVIMENTAZIONE in cotto di laterizio (sestino dell'Impruneta) a coltello e a lisca di pesce dell'area centrale del Poggio Salamartano, quella sterrata;
- la sistemazione delle pavimentazioni perimetrali in PIETRA;
- La sostituzione delle cinque piante di pino con altrettanti lecci;
- l'inserimento di più idonei elementi di arredo (panchine in legno massello).

1- I lavori di scavo e di predisposizione all'ammattonatura del Poggio Salamartano iniziarono venerdì 15 giugno 1984 e furono terminati il 2 agosto.
Nel corso di questi lavori furono rinvenuti dei loculi in muratura adibiti ad ossari, una montagna di ossa umane, un mensolone in pietra per altare e i resti di una casa medioevale del 1200 ,in terra battuta, che era stata abbandonata a seguito di un incendio. Nell'area della casa furono rinvenuti una macina da cereali per uso familiare e vasellame domestico.

2- Sul fondo dello scavo fu realizzata una massicciata in pietrisco sormontata da una rete di tondini di ferro ricoperta da una gettata di cemento.

3- Il 6 settembre 1984 , al posto dei pini, vennero piantati cinque lecci di quaranta anni che, però, furono "bruciati" dal freddo polare dell'inverno 1985.

4- Il 12 settembre 1984 l'impresario locale Bruno Placidi, coadiuvato da tre operai, iniziò i lavori di pavimentazione in laterizio. I quattro operai fucecchiesi, inesperti, furono surrogati da tre pavimentatori di Capanne che terminarono la pavimentazione il 26 novembre 1984.

5- La lastricatura del tratto di strada cha da piazza Garibaldi porta sulla piazza ammattonata venne iniziata, dalla impresa edile Placidi Bruno, nell'aprile del 1985 e portata a termine il 14 maggio 1985.

6- Il 23 maggio 1985 vennero sostituiti i 5 lecci "bruciati".

 

Home Page INDICE




fucecchionline.com 
®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001

 


riproduzione vietata senza l'autorizzazione del legittimo proprietario