ALMANACCO Home Page





TORNA  ALL'INDICE

anni - 1661  >>  1680

Il 2 ottobre 1665, poco prima della mezzanotte, tutto il popolo di Fucecchio andò al orto di Saettino con 200 torce per salutare l’arrivo delle spoglie di S. Candido, proclamato PATRONO di Fucecchio dal pontefice Alessandro III°.
Lo scheletro del santo unitamente ad un vaso di sangue erano stati consegnati il 15 aprile dello stesso anno dal Cardinale Ottaviano Caraffa al concittadino abate Niccolò Cicci.
Le reliquie del santo martire avevano raggiunto il Porto di Saettino di Fucecchio per via di mare e di fiume. 
Le duecento persone con le torce accompagnarono le reliquie di S. Candido fino all’Osteria che si trovava all’angolo di Via Cavallotti.
Quando la processione giunse all’osteria era già iniziato il 3 ottobre.
Dall’osteria in poi tutte le finestre erano illuminate “ e non vi era finestra che non vi fossero due lumi”. Di traverso alla strada vi erano delle “luminarie e palloni di più sorte accesi fino alla casa dei poveri di modo che non si potevano numerare perché erano di molte migliaia.”
Poi ci la processione che fece tappa a tutte le chiese ed oratori del paese. 
E dopo la processione ci furono “scariche di mortaretti, razzi e fuochi”.
Fino alle ore 4 di mattina, l’ora in cui il corpo di S. Candido entrò nella Pieve di S. Giovanni (oggi Collegiata) dove rimase esposto per 3 giorni.
“Durante questi tre giorni vennero in processione i popoli vicini di Cerreto guidi, Galleno e persino di Empoli. E questa fu la prima festa che si fece di questo glorioso Santo e piaccia a Dio che sia sempre nostro Protettore.”

 

Il 3 ottobre 1665, nel corso della prima ora del giorno, si svolse la processione di ritorno con cui il popolo di Fucecchio portò il corpo di S. Candido, arrivato poco prima la mezzanotte nel porto di Saettino di Fucecchio, per le vi de paese e infine nella Pieve di S. Giovanni Battista (oggi Collegiata).
Il corpo di S. Candido, nostro Patrono, era giunto al porto di Saettino pochi minuti prima della mezzanotte del 2 ottobre.
Esso fu ricevuto processionalmente.
La processione era partita verso le ore 23 dal Poggio Salamartano diretta al Porto di Saettino.
Alla imponente processione presero parte tutte le confraternite della Terra di Fucecchio, il clero della Pieve, i frati zoccolanti della Vergine e i conventuali di S. Salvatore, il Magistrato degli Anziani e le altre autorità tutte vestite nelle rispettive insegne. Il ritorno dal Porto di Saettino seguì questo itinerario:
Nel Porto di Saettino le reliquie del Santo furono ricevute dal Clero e dal Popolo. Vennero innalzate sulle spalle di 4 Diaconi vestiti di dalmatica rossa. 
Salmeggiando la processione, poco dopo la mezzanotte del 2 ottobre, la processione alla Porta ossia all’Arco Trionfale che era stato eretto a poca distanza dall’Oratorio dei Santi Rocco e Sebastiano (oggi chiesa di S. Maria delle Vedute) e quivi fu fatta la prima stazione.
Ripreso l’ordine della processione ed entrati nella via dei Fossi (Corso Matteotti) fu fatta la seconda stazione (fermata) nella chiesa della Salute, poi di Santa Caterina, allora che nell’anno 1622 alcune pie donne e vedove incominciarono ad abitare le case contigue vestite come le terziarie o sì vero oblate domenicane; nell’anno 1632 passarono a vestire l’abito passarono a vestire l’abito monastico della Congregazione Camaldolese fondata da S. Romualdo nel 1010.
Di qui passarono alla chiesa della Vergine, offiziata dai Frati Minori Osservanti o zoccolanti di S. Francesco. 
Qui la cronaca redatta da un confratello della Compagnia della Madonna della Croce si interrompe: dei fogli su cui era stata stilata la cronaca per intero è rimasta solo la prima paginetta.

 

Il 7 febbraio 1667 vennero elencate le spese sostenute per la ricostruzione del MURO che sorregge la piazza del Poggio Salamartano.
Tale MURO castellano era crollato nel 1661 “per non avere avuto buoni fondamenti”.
Un anno prima, nel 1660, si erano addirittura ipotizzati la demolizione della cadente Cancelleria (Palazzo Comunale) posta davanti al Palazzo Pretorio e l’utilizzo dei suoi mattoni per ricostruire il MURO che sorregge la Piazza e la Chiesa di S. Francesco ( S. Salvatore). Purtroppo la proposta ipotizzata non si era convertita in delibera. 
Il MURO crollato era stato ricostruito nel 1602, ma già nel 1660 aveva cominciato adar segni di ..decadenza.
Venne ricostruito, dopo il crollo dl 1661, fra il 1666 e il 1667.
Le spese sostenute per questa ricostruzione assommarono a 500 scudi a cui dovettero “..aggiungersi altri 100 scudi per i lavori ultimativi. Perché la muraglia è ormai perfetta e non resta che a riempire il vacuo vicino al MURO e poi farci vicino 6 o 8 bracci di lastricato acciò l’acqua non possa andare verso il muro, il quale è di lunghezza braccia 160 e altezza in alcuni luoghi è braccia 16 e vi sono fatti 18 piloni (contrafforti) larghi braccia 2,5, lunghi braccia 5,5 sì che si tiene per stabile”.
La piazza del Poggio Salamartano “ era il passeggio di tutti quelli del paese, in particolare d’estate. Inoltre vi si facevano le rassegne militari”
A distanza di pochissimi anni le rassegne militari non vennero più fatte sul Poggio Salamartano bensì nell’attuale Piazza Montanelli data in affitto al Comune nel 1676 dal Corsini.
( p. Vincenzo Checchi - Quaderno F pag. 79)

 

Il 19 ottobre 1670 vennero fissate le seguenti vacanze scolastiche:
- 03 gennaio festa della Ferruzza
- 25 gennaio Conversione di S. Paolo
- 01 febbraio solo al mattino
- 03 febbraio S. Biagio, solo al mattino
- 05 febbraio S. Agata, solo al mattino
- 24 marzo Vigilia Incarnazione, solo al pomeriggio
- 03 aprile Vigilia S. Giacobbe e Filippo
- 22 luglio S. Maria Maddalena
- 02 agosto Porziuncola
- 14 agosto Vigilia Assunzione, solo al pomeriggio
- 29 agosto Decollazione di S. Giovanni Battista
- 07 settembre Vigilia Natività di Maria
- OTTOBRE vacanza per tutto il mese
- 02 novembre Defunti, solo al mattino
- 04 novembre S. Carlo
- 09 novembre Basilica S. Salvatore e Festa Comunale
- 25 novembre S. Caterina
- 29 novembre Vigilia di S. Andrea, solo al pomeriggio
- 05 dicembre Vigilia di S. Nicola
- 06 dicembre Festa di S. Nicola
- 07 dicembre Vigilia della Concezione, solo al pomeriggio
- 24 dicembre Vigilia di Natale

 

Il 13 maggio 1674 venne inoltrata a Sua Altezza Reale una supplica dove si domandava di poter comprare una casa contigua alla podesteria per ricavarne i seguenti vantaggi:
1- Si potrà gettare giù la Cancelleria vecchia con orologio e si verrà così ad ingrandire la Piazza (Vittorio Veneto) tanto che si potranno farvi eseguire le esercitazioni militari, cosa ricercata da Sergenti Maggiori e Capitani;
2- Si riparerà al pericolo costituito dalla Cancelleria che minacciava rovina e che se non fosse sostenuta da barbacani sarebbe rovinata;
3- Si accomoderà in parte il Podestà che sta malissimo di stanze a segno che non ha tanto loco da tenere il suo cavaliere senza soggezione grande di tutta la sua famiglia.
4- Si potrà accomodare la Cancelleria, fare u Archivio ordinato ché di presente le scritture si tengono con pericolo per la strettezza della stanza di Cancelleria.
Il Camarlingo, per compiere quella operazione per cui era stata inoltrata la supplica disponeva di 8.543 lire di avanzo.

 

Il 29 settembre 1674 venne esposta anche al Consiglio Generale la supplica trasmessa al Granduca per poter acquistare una casa stimata 200 scudi onde ampliare la Podesteria (Palazzo Pretorio) e servisse anche da Cancelleria giacché la vecchia (Cancelleria) “anziché restaurarla conviene piuttosto disfarla e così slargare la Piazza.”
Si fece osservare che atterrandosi la Cancelleria si sarebbe dovuto disfare anche tutte le altre case attigue e posto sul retro del fabbricato.
La supplica non risortì alcun effetto.

 

Il 10 aprile 1676, i Corsini sottoscrissero un contratto con cui davano in affitto al Comune di Fucecchio l’area dell’attuale piazza Montanelli. L’atto fu rogato da Ser Bernardino Zambeccari e sanciva per il Comune di Fucecchio un canone annuo di £ 235,20.

 

Il 30 ottobre 1676 nacque a Corte, in Corsica, il santo frate francescano che con la sua santità, decretatagli da papa Pio XI° il 29.6.1930, ha dato lustro e fama al Convento La Vergine delle Cinque Vie di Fucecchio: Santo Teofilo.
Si chiamava Biagio Signori.
Resistendo alle suppliche dei genitori, all’età di 17 anni vestì il saio dei frati minori di S. Francesco.
Compì gli studi filosofici e teologici a Roma e a Bari.
Il 30 novembre 1700 venne ordinato sacerdote.
Propugnatore dell’Opera dei RITIRI FRANCESCANI, una istituzione fondata nel 1622 dal Beato Bonaventura di Barcellona e con rigidissima REGOLA che comprendeva anche preghiere notturne, severi digiuni e lunghe meditazioni nel silenzio e nell'isolamento, ne istituì uno a Fucecchio nel 1736. Ne aveva già fondato e diretto uno a Civitella, presso Subiaco, e uno Zuani in Corsica.
A Fucecchio, padre Teofilo fu anche prodigo nell’assistere gli ammalati e i poveri.
Morì il 19 maggio 1740.
Per effetto delle guarigioni miracolose verificatesi ed accertate, venne proclamato BEATO il 24.9.1896.
Il 29 giugno 1930 il Beato Teofilo da Corte venne proclamato SANTO.

 

Il 4 aprile 1679 si svolse una riunione tempestosa della Compagnia di S. Giovanni Battista dentro la chiese della pieve oggi Collegiata. Era Cancelliere (segretario)1 della Compagnia della Compagnia Minardi Antonio di cui riproduciamo il succinto verbale.
“ Radunati, i fratelli della Venerabile Compagnia di S. Giovanni Battista facevano tanta confusione in chiesa per cui non si capiva niente. Però, di mio ordine, con licenza del pievano (oggi arciprete) si fecero entrare in Pieve e messo tutto a partito il candidato della cappellania si cominciò ad altercare fra il prete Giunti e il frate Marco Cici per cui alcuni si schierarono da una parte e l’altra dall’altra. Perciò fu da me cancelliere sospesa l’Adunanza per tema di tumulto e scandalo. I coadunati erano circa 250 e, con mia lettera, il Magistrato dei Nove.
Il 30 aprile il Podestà di Fucecchio mostrò agli Operai della Compagnia la risposta del Magistrato dei Nove che ordinò di procedere alla squittinio (votazione) qualora non si volesse nominare cappellano il frate Marco Cicci .dei Nove.
Il 30 aprile il Podestà di Fucecchio mostrò agli Operai della Compagnia la risposta del Magistrato dei Nove che ordinò di procedere alla squittinio (votazione) qualora non si volesse nominare cappellano il frate Marco Cicci

 

Il 22 maggio 1679 i confratelli della Compagnia di S. Giovanni Battista si radunarono in numero di 230 nella chiesa pievana (l’attuale Collegiata)essendo la loro chiesa, quella di S. Donnino, troppo piccola. Vi intervennero anche il Podestà sig. Francesco Papi per conto del granduca mediceo e il pievano Francesco Ringhieri.
L’assemblea riconfermò cappellano della Compagnia, per altri 3 anni, il prete Marco Cicci.

 

Il 22 giugno 1679 furono radunati in numero di 250 i fratelli della Compagnia di S. Giovanni Battista con sede, ospedale e chiesa nell’attuale canonica della Collegiata, per discutere una ordinanza emessa dal Magistrato dei Fiumi. Questa ordinanza prevedeva la costruzione di una PIETRAIA in un punto del corso del fiume dell’Arno in prossimità di un podere della Compagnia.
Quella PIETRAIA avrebbe dirottato l’acqua dell’Arno nel podere della Compagnia distruggendone tutti i raccolti.
All’unanimità i fratelli della Compagnia decisero di inoltrare un ricorso.
Qualche mese dopo venne scavato a Cigoli, in un altro podere della Compagnia il letto del canale di S. Bartolomeo.

 

Il 20 luglio 1679, con suo grande sollievo, se ne andò il Podestà contro il quale , pochi giorni prima avevano inscenato una rumorosa protesta i popolani fucecchiesi. La protesta, però, aveva come destinatario il quinto granduca mediceo Cosimo III° succeduto al fratello Ferdinando II° nel 1670.
Cosimo II°, avaro e bigotto, aveva aumentato il potere degli ecclesiastici ed imponeva tasse a ripetizione che suonavano come angherie.
I motivi della sollevazione fucecchiese erano stati due:
la mancanza di “pane tondo” e l’obbligo di acquistare più sale del fabbisogno.
Il povero podestà, non spendo che pesci prendere, affidò al cancelliere il disbrigo dell’affare.
Il cancelliere, pur sapendo che il granduca sarebbe rimasto irremovibile, tentò di dissuaderlo con una epistola che venne cestinata.
Quando arrivò il nuovo podestà Arrigo Ciardi, i fucecchiesi fecero anche lui le medesime rimostranze. La loro rabbia si tramutò in esasperazione quando, qualche giorno dopo, venne a mancare la farina per fare il pane e a Castelfranco venne concesso di fare il mercato settimanale di sabato.
“Peggio di così, si muore” mugugnavano i Fucecchiesi.

 

Il 17 luglio 1680 iniziò il sindacato (processo popolare) contro l’uscente Podestà Arrigo Ciardi e su Corte.
Qualche giorno prima, il banditore ufficiale aveva letto ad alta voce sotto l’immagine di S. Cristoforo l’ordine dei sindaci della comunità diretto “qualsivoglia persona” che nei giorni 17-18 e 19 luglio si sarebbe fatto sindacato contro il Podestà e sua Corte. Ciò per chi avesse avuto qualche lagnanza da fare contro essi.
I querelanti dovevano presentarsi al solito banco della Cancelleria davanti ai sindaci che svolgevano il ruolo di guida.
Dovettero essere in molti a querelare l’operato del Ciardi e del suo cancelliere Filippo Pieralli se risultarono essere “ministri poco osservanti delle leggi e bandi di S.A.S.
Risultarono avere pernottato fuori di Fucecchio senza debita licenza e fatte estorsioni prendendosi diritti che non avevano e poi per “avere condannato i giusti ed assolti i rei”, di non avere tenuto il decoro che esigeva la carica e di avere fatto azioni ripugnanti alla “Giustizia e alli Statuti.”

 

Il 14 agosto 1680 si stanziarono 5 scudi per rifare le scene guaste nel TETRO del Comune, dietro istanza dei giovani comici e accademici di Fucecchio.
La notizia non indica dive era questi Teatro. E’ comunque presumibile che fosse il famoso stanzone delle recite, al primo piano del Palazzo Pretorio, ridotto nel secolo successivo a Teatro dell’Accademia dei Fecondi.
Circa la presenza di una Compagnia di comici ed accademici in Fucecchio, anche se non sappiamo con esattezza quando si sia formata, possiamo però rilevare che la seconda metà del XVII° secolo (1600-1700) fu u periodo abbastanza tranquillo da un punto di vista bellico.
S. Miniato, per merito del vescovo monsignor Alessandro Strozzi, vide nascere il 27 agosto 1648 la celebre Accademia di Scienze e Lettere dell’Accademia “Gli affidati”, divenuta poi de I Rinato e successivamente degli Euteleti.
In una delibera del Comune di Fucecchio del 16 gennaio 1695 si legge:
“ Stanziarono ancora lire 42 per il tetto dello STANZONE delle COMMEDIE dove piove i più luoghi, per rassettare la tenda… per ridipingere, come pure risarcire una scena che è stata rosa dai topi.”
In un’altra delibera del 17.12.1717 si legge:
“ Gli Anziani stanziano scudi 85 per restauri allo STANZONE del Teatro per la recita di commedie nel Carnevale.
In un’altra delibera del 30.12.1729 : “.. si stanziano 10 scudi per spese del Teatro, considerato che il recitare serve di divertimento de popoli e d’indirizzo de giovani.”

 

HOME PAGE

Territorio
Cenni storici
Arte e Cultura
Come arrivare
 
le RICERCHE di
Mario Catastini
Centro Storico
Almanacco storico
Enciclopedia
Guerra del 1944
la Fucecchio che non c'è più
Storia di Fucecchio
Corale di S. Cecilia
Arciconfraternita di Misericordia
GUIDE
Chiesa La Vergine
Chiesa Collegiata
Chiesa S. Salvatore
Chiesa delle Vedute
 
VIDEO
 
il Palio
le Contrade
 
Ospitalità
Numeri utili
Stradario
Aziende
 
Le Tue Foto
Fotografie
Cartoline
Pubblicazioni
 
Links
 
Contatti
 


 

TORNA  ALL'INDICE


fucecchionline.com ®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001