ALMANACCO Home Page





TORNA  ALL'INDICE

anni - 1461  >>  1480

Il 30 novembre 1461 il Comune di Fucecchio deliberò di sborsare alquanti denari per onorare la memoria di Cosimo dei Medici e per fare l’offerta ai conventi di S. Salvatore e S. Andrea.

 

L’1 agosto 1464 morì Cosimo dei Medici. Le redini del potere passarono nelle mani del figli Piero, il gottoso, a cui il padre ancora vivente aveva affiancato il nipote Lorenzo che nel 1464 aveva soltanto 14 anni.
Un anno dopo i Pitti congiurarono contro Piero e Lorenzo. La congiura fallì e i congiurati furono esiliati. Gli esiliati convinsero Venezia a far la guerra contro Firenze. L’esercito veneziano venne affidato al capitano di ventura Colleoni, l’esercito fiorentino venne affidato a Federico, conte di Urbino.
Anche Fucecchio dovette fornire un proprio contingente di armati all’esercito fiorentino.
La guerra tra Firenze e Venezia si concluse nel 1468. 
Firenze si procurò l’annessione di Sarzana e della fortezza di Sarzanello.

 

Il 17 agosto 1464 vennero eletti alcuni ambasciatori da inviare a Lucca presso la Badessa di Gattaiola, detta anche EPISCOPESSA DI Fucecchio, per chiederle che don Iacopo di Paolo, Pievano della chiesa di S. Giovanni Battista, imprigionato su sua richiesta, venisse liberato.
Non si conoscono le ragioni del suo arresto, ma occorre ricordare che la badessa di Gattaiola aveva su Fucecchio poteri simili a quelli di un vescovo e quindi anche quello di confermare a deporre il pievano.

 

Il 17 settembre 1465, quattro anni prima che diventasse di fatto Signore di Firenze, Lorenzo dei Medici(1449-1492),grande mecenate delle Arti e “ago della bilancia d’Italia” per aver assicurato un periodo non breve do pace e di equilibrio fra le potenze italiane, scrisse una lettera ai nostri amministratori che gli avevano chiesto consiglio.

“ Prudenti viri, amici miei carissimi,
ebbi a questi dì la vostra relazione per la riforma della vostra Cancelleria, ch’io vi mandassi chi mi piacesse per vostro Cancelliere, e per lo medesimo apportatore vi ringrazio.
Al presente vi mando il Cancelliere ch’io vi intendo dare; il quale è Ser Mariano da Pistoia sufficientissimo in qualunque degna Cancelleria.
Sì che ve lo raccomando in qualunque sua occorrenza sì per esser lui persona da bene sì per amore mio. E è tutto in casa nostra. No altro al presente a piaceri vostri.
In Firenze a dì 17 settembre 1465.
Lorenzo de? Medici

La scelta del Cancelliere da parte di Lorenzo il Magnifico, che ci veniva comunicata epistolarmente, diventò una consuetudine. Ne fanno fede le altre lettere spediteci negli anni successivi da Lorenzo il Magnifico e giacenti in Archivio.

 

In un atto del 29 dicembre 1465 si legge che il GIURAMENTO degli Anziani veniva pronunciato nella Piazza del Comune, residenza del Podestà, sotto la LOGGIA, davanti all’Immagine della gloriosissima Maria Madre del Signore Nostro Gesù Cristo.

 

Il 17 aprile 1466 venne proposto come maestro e precettore dei ragazzi del nostro Comune frate Matteo Becalori di Fucecchio dell’ordine di S. Francesco. Venne presentato con referenze eccezionali: uomo dottissimo, buono, onesto e discreto.
I nostri consiglieri che avevano sempre privilegiato maestri di scuola forestieri, quasi tutti preti e frati, questa volta elessero per un anno il fucecchiese frate Matteo.
Gli venne corrisposto il salario annuo di 50 lire.
Frate Matteo dovette far scuola in una sala del convento di S. Salvatore e prendere in affitto una casa a sue spese.
La consuetudine di eleggere un maestro di scuola per un anno e con un salaria di 50 lire annue risaliva ormai agli ultimi decenni del 1300. 
I maestri venivano addirittura da Genova, da Ancona, da Siena oltre che dalle località vicine.

 

Il 3 dicembre 1469 morì Piero dei Medici e gli subentrò il nipote Lorenzo dei Medici.
Lorenzo rafforzò il proprio poter personale abolendo il Consiglio del Popolo, l’Ufficio del Capitano e ridusse l’autorità del podestà.
Sotto il Governo di Lorenzo dei Medici si verificò il primo grande boom artistico, culturale, industriale, commerciale nell’ambito della Repubblica Fiorentina.
Anche Fucecchio risentì di questi benefici effetti e cercò di abbellirsi con dipinti quali la Vergine delle Cinque Vie.
Nel 1493, un anno dopo la morte di Lorenzo, la Compagnia della Vergine commissionò al pittore fiorentino Giovanni di Domenico una Madonna con 4 Santi, il Bambino e due angeli. Al pittore furono corrisposti 80 fiorini d’oro.
Il quadro venne venduto fra il 1800 e il 1900 al Toscanelli di Pisa.

 

Il 10 dicembre 1470 i frati conventuali di S. Salvatore, tramite la badessa del Monastero delle clarisse di Gattaiola in Lucca, chiesero al Comune di Fucecchio di riedificare il muro dell’orto che dava nell’attuale Piazza Alberighi e che era rovinato.
Gli Anziani accolsero la richiesta.
Il muro in questione era già stato alzato con i 3.000 mattoni donati dalla fornace del Comune e con quelli prelevati dalle mura nel paraggi di Porta Bernarda nel 1385.
Lo scivolamento di alcune porzioni di collina salamartana rese sempre più precaria la cinta muraria castellana della zona prospiciente il Poggio Salamartano.
Nel 1576-1577 si dovette realizzare un barbacane (contrafforte) sotto la sagrestia della chiesa di S. salvatore che minacciava Rovina.
Nel 1622 venne rifatto il muro castellano del Poggio Salamartano.
Nel 1661 il medesimo muro crollò. Venne ricostruito nella forma attuale nel 1667.
Nel 1847, il lato della collina del monastero che guarda via Machiavelli fu munito di un nuovo muro.
Nel 1959 venne ricostruito quel tratto di muro dell’orto che guarda Poggio o Piazza Alberighi su progetto dell’ingegner Stefano Costagli.
L’opera venne realizzata dall’impresa locale di Bertoncini Sabatino ed Ugo.

 

Il 16 febbraio 1472, Giovanni di Scalogno affittuario della fornace del Comune, assunse prima 16 operai e poi altri 28. L’assegnazione dell’affitto della fornace spettava a 4 ufficiali regolarmente eletti a questo scopo.
Normalmente la fornace comunale era in grado di produrre 80.000 mattoni e 20.000 tegole.
I mattoni e le tegole venivano commissionati dallo stesso Comune che li usava per riparare i muri castellani e i tetti degli edifici di sua pertinenza. I muri castellani maggiormente deteriorabili erano quelli del Poggio Salamartano e di Cammullia. Queste informazioni sono state desunte dalle delibere che vanno da 1300 al 1450. Da una di esse si apprende anche che via Cammullia ospitò una caserma di soldati.
Il muro che franava spessissimo era quello del Poggio Salamartano.
L’attuale Porticciola, la luce che segna l’inizio delle “scarelle”, veniva chiamata Porta Celli.
I mattoni ordinati il 16.2.1472 dovevano servire a rifare il MURO del Poggio Salamartano dal Monastero fino a Porta Celli, dirimpetto alla porta della Compagnia di S. Giovanni Battista.
All’impresa edile vennero prescritti questi lavori.
- rafforzare tutto detto muro;
- rifare il corridoio e i MERLI;
- rifare ex novo alcuni tratti di muro guasto.

 

Il 14 maggio 1476 Il Comune di Fucecchio, per compiacere Lorenzo dei Medici, dopo aver concesso una porzione di terreno sul Poggio di Cappiano a Michelangelo Tanagli scrisse anche una lettera traboccante di piaggeria a Lorenzo.
Lorenzo il Magnifico o dei Medici aveva raccomandato al nostro Comune di accontentare il detto Tanagli che richiedeva un pezzo di terreno sul Poggio di Cappiano di cui era proprietario il nostro Comune.
Benché il Comune avesse concesso quel pezzetto di terreno in affitto perpetuo al fabbro Antonio di Pavolo, venne meno a quel contratto.
Al colmo di tanta accondiscendenza, gli Anziani ed il Vessillifero del Comune di Fucecchio scrissero appunto quella lettera traboccante di piaggeria al Magnifico.
Dopo aver ricordato il contratto sottoscritto in perpetuo con Antonio di Pavolo, la lettera così recita:
“ Nondimeno per lo interesse del Comune nostro siamo contenti liberamente rimetterla ( quella terra) in Vostre Mani ché ne facci quello è di suoi piacere ed in questo e in qualunque cosa, in comunità et in specialità ci troverete sempre parati a ogni suo piacere allo quale istantissimamente ci raccomandiamo.
La quale Iddio conservi in suo felice e buono stato.
Dato in Castro Fucecchio die 14 maggio 1476”

 

HOME PAGE

Territorio
Cenni storici
Arte e Cultura
Come arrivare
 
le RICERCHE di
Mario Catastini
Centro Storico
Almanacco storico
Enciclopedia
Guerra del 1944
la Fucecchio che non c'è più
Storia di Fucecchio
Corale di S. Cecilia
Arciconfraternita di Misericordia
GUIDE
Chiesa La Vergine
Chiesa Collegiata
Chiesa S. Salvatore
Chiesa delle Vedute
 
VIDEO
 
il Palio
le Contrade
 
Ospitalità
Numeri utili
Stradario
Aziende
 
Le Tue Foto
Fotografie
Cartoline
Pubblicazioni
 
Links
 
Contatti
 


 

TORNA  ALL'INDICE


fucecchionline.com ®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001