ALMANACCO Home Page





TORNA  ALL'INDICE

anni - 1181  >>  1199

L’1 settembre 1187 l’imperatore EnricoVI, figlio di Federico Barbarossa. Da Bologna, concesse a Fucecchio rappresentato da cinque notari, la facoltà di amministrarsi e di recingere il BORGO con MURA e fortificazioni.
Enrico VI dichiarava inoltre i Fucecchiesi LIBERI ed ESENTI dalla soggezione di qualsiasi persona, di qualunque autorità e dignità ecclesiastica o secolare sia vescovo, duca, marchese, conti, consoli, podestà, città o Comune e sanzionava la pena di 100 libbre d’oro, a favore dell’Impero, a carico di coloro che avessero violato la volontà imperiale.
Concesse in FEUDO agli stessi abitanti il CASTELLO proibendo a chiunque di distruggerlo.
Come contropartita, l’imperatore pretese il GIURAMENTO di FEDELTA’, impose che nell’arco di perentorio di 4 anni fossero costruite le MURA intorno al paese. Ingiunse anche la concessione a favore dell’impero di un territorio grande quanto l’area circondata dalle mura.
Nasceva così il Comune di Fucecchio, il nuovo centro di attività che segnò l’inizio del declino della ISTITUZIONE fino ad allora imperante: l’Abbazia di S. Salvatore.

 

Il 23 giugno 1190 venne stipulato un contratto notarile “ nel Castello di Fucecchio, nella chiesa riedificata del Poggio Salamartano”
Con questo contratto l’abate Enrico vendette ogni diritto che l’abbazia aveva sui castelli e corti di Cigoli, Leporaia ( Ponte a Egola) e Stibbio. Fra gli acquirenti figurano anche i Visconti di Fucecchio. Da questo documento si evince che la CHIESA DI S. SALAVATORE, ricostruita sul Poggio Salamartano dopo il 1106, distrutta per eventi bellici nel 1136 e nel 1161, era stata già ricostruita nel 1190. Le strutture della chiesa attuale risalgono quindi al 1190.

 

Il 18 luglio 1194 Placido, abate del nostro Monastero di S. Salvatore, animato dalla volontà di risollevare le sorti , il prestigio e le condizioni finanziarie del Monastero, riuscì ad ottenere, in Pisa, dall’Imperatore Enrico Vi un PRIVILEGIO davvero speciale:
l’abbazia passò sotto la protezione dell’Impero e vennero annullati, almeno sulla carta, tutti gli atti di infeudazione e di alienazione di beni sottoscritti dall’abate Gregorio.
Le vennero infine riconfermati tutti i possessi pervenutigli (al Monastero) dai Conti Cadolingi.
Il PRIVILEGIO, purtroppo, non divenne mai esecutivo.
I guasti operati dall’abate Gregorio a danno del Monastero e la presenza operativa della istituzione comunale- aveva solo 7 anni – segnarono l’inizio della parabola discendente del Monastero di S. Salvatore.

 

 

HOME PAGE

Territorio
Cenni storici
Arte e Cultura
Come arrivare
 
le RICERCHE di
Mario Catastini
Centro Storico
Almanacco storico
Enciclopedia
Guerra del 1944
la Fucecchio che non c'è più
Storia di Fucecchio
Corale di S. Cecilia
Arciconfraternita di Misericordia
GUIDE
Chiesa La Vergine
Chiesa Collegiata
Chiesa S. Salvatore
Chiesa delle Vedute
 
VIDEO
 
il Palio
le Contrade
 
Ospitalità
Numeri utili
Stradario
Aziende
 
Le Tue Foto
Fotografie
Cartoline
Pubblicazioni
 
Links
 
Contatti
 


 

TORNA  ALL'INDICE


fucecchionline.com ®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001