ALMANACCO Home Page





TORNA  ALL'INDICE

anni - 1100  >>  1120

Il 27 novembre 1106 venne rogato un atto di donazione che trascriviamo in calce alla presente pagina.
Nel 1105 un’alluvione particolarmente rovinosa danneggiò irreparabilmente il monastero e la chiesa di S. Salvatore poste in prossimità del Ponte di Bonfiglio sull’Arno. I Monaci del monastero fucecchiese perorarono presso l’abate di Vallombrosa la necessità di trasferire in luogo più sicuro chiesa e monastero.
Di questa esigenza si fece interprete lo stesso Bernardo degli Uberti, abate di Vallombrosa, che chiese al conte di Fucecchio, Ugo, figlio di Uguccione, un appezzamento di terreno sulla collina in prossimità del Castello di Salamarzana (oggi Fattoria Corsini) per ricostruirvi il monastero.
La donazione avvenne il 27 novembre 1106. Eccone il testo.
“ Noi conte Ugo del fu Uguccione gran conte con la moglie Cecilia figlia di Arduino ricordiamo che il conte Lotario bisavolo di me conte Ugo, per la salvezza dell’anima propria e dei propri parenti istituì il predetto monastero che ora il fiume Arno ha distrutto e cancellato. Perciò noi, su consiglio del reverendissimo don Bernardo cardinale di Siena e abate di Vallombrosa, per timore di Dio e per la salvezza dell’anima nostra e di quella dei nostri figli e parenti, offriamo a Te Dio onnipotente e a S: Salvatore un’intera parte del nostro monte e poggio che è chiamato Salamarzana.
Tutto ciò doniamo affinché il monastero che finora è stato presso l’Arno sia ricostruito sulla sommità del predetto poggio e vi rimanga nella regola di S. Benedetto e secondo l’antica consuetudine della Congregazione di Vallombrosa….”
Il nuovo edificio fu ben presto ultimato accanto alla pieve di S. Giovanni e all’ospedale, l’ospizio destinato ad accogliere i pellegrini di passaggio.

 

Il 6 maggio 1108 il conte cadolingio Ugo fece donazione di tutte le terre tenute da Guido e da Trasmundino all’OSPEDALE posto in Salamartana.
Sul Poggio Salamartano vi erano perciò
- l’abbazia di S. Salvatore
- la chiesa di S. Salvatore
- l’ospedale ( di S. Maria della Croce)
- la pieve di S. Giovanni Battista

 

Il 7 ottobre 1108 il pontefice Pasquale II° autorizzò, con Bolla, il trasferimento del Monastero e della chiesa di S. Salvatore dalla golena dell’Arno sul Poggio Salamartano.

 

In una carta di donazione del 3 novembre 1108 ricorre per la prima volta il toponimo Montellori nella forma MONSELLORI.
La donazione è riservata all’Ospedale annesso al Monastero di S. Salvatore.
Il toponimo indica una zona ricca di edera.
Questa zona, comprendente vari colli, era ricca di boschi che poi avevano ceduto spazi alle coltivazioni (vigneti e, in misura minore, uliveti) risultò divisa nel XIII° secolo in poderi affittai ad importanti famiglie fucecchiesi come i Visconti e i Simonetti ed appartenenti ad enti ecclesiastici come l’ospedale di Altopascio ed il Monastero di S. Salvatore.
Un secolo fa, l’Ansaldi, parlando di Montellori, scriveva:
“ Costà era una sorgente d’acqua salsedissima, come lo attestano gli antichissimi Statuti di Fucecchio; costà erano crateri, bagni murati e fontanelle, dove la gente andava a bere per guarire da certi mali.
Ma oggi di questo bagno, antico per lo meno quanto quello del Tettuccio a Montecatini, non restano che debolissime vestigia.”
Queste notizie sono confortate da altre testimonianze toponomastiche ricorrenti negli estimi del XIII° e XIV° secolo
Si parla delle seguenti località: “Acqua salsa” e “Terra bianca” che allude probabilmente alla fioritura di sale più copiosa e bianca rinvenibile nella zona dove erano stati edificati i bagni.

 

Il 18 febbraio 1113 morì, dopo essere stato ferito mortalmente dai Fiorentini a Montacascioli, il quinto ed ultimo conte cadolingio di Fucecchio, UGO che aveva regnato dal 1096 al 1113.
Al suo capezzale c’erano i vescovi di Lucca, Pistoia, Volterra, Pisa e Firenze che riebbero, per volontà testamentaria, tutti i beni che Ugo aveva loro sottratto con l’uso della violenza. Il testamento disponeva anche che i beni rimanenti dovevano essere divisi in due parti: una per estinguere i debiti contratti e per la vedova; l’altra doveva essere divisa fra i cavalieri e i vassalli che erano stati con lui in tempo di pace come in tempo di guerra.
UGO, grande predatore di beni ecclesiastici e rapinatore di viandanti e commercianti, aveva dovuto affrontare i Fiorentini e anche la Chiesa dato che era alleato dell’imperatore. Poiché le spese , soprattutto quelle militari, lievitavano paurosamente, era stato costretto, vita natural durante, a vendere molti possedimenti.
La guerra contro i Fiorentini non fu fortunata. Cacciato prima dal Monte Orlando nel 1107, venne poi ferito mortalmente nella battaglia di Montecascioli.
Con la morte di UGO la dinastia cadolingia si estinse perché anche la seconda moglie, Cecilia vedova di Opizzo, non gli diede eredi. E Cecilia non era una donna sterile! Dal suo matrimonio con Opizzo erano nati ben 6 figli.

 

Il 25 febbraio 1114, un anno dopo la morte del marito Ugo, ultimo feudatario-conte di Fucecchio, la vedova e i viceconti vendettero al vescovo Rodolfo di Lucca l’intera metà del poggio, borgo, e corte di Fucecchio, con la metà dei castelli e corti di Massa Piscatoria, Galleno, Cerbaia e Montefalcone.
L vescovo acquistò questi beni cedendo ai venditori un anello d’oro di trecento libbre di denari lucchesi.
Nel 1119 la vedova Cecilia, oltre a vendere al vescovo di Lucca il porto di Fucecchio, giurò fedeltà al medesimo vescovo per quello che riguardava la metà del castello, porto e corte di Fucecchio.
Fu così che il Vescovato di Lucca, da una parte, e l’Abbazia di S. Salvatore, dall’altra,
esercitarono ognuno la giurisdizione civile sulle due metà in cui il nostro paese era stato diviso (l’amministrazione urbana non era consentita ai conti rurali).
Il potere su Fucecchio era esercitato dunque da due istituzioni religiose in lite fra di loro.

 

Il 20 ottobre 1114 il Conte Guido Guerra con la moglie Emilia, mediante atto stipulato nello stesso castello, cedettero a titolo di permuta COLLI PETRE, CERRETO e VINCI all’abate Ubaldo del monastero di S. Salvatore di Fucecchio.
Il documento indica i confini della curia pertinente COLIS PETRI o PETRELLA:
da Pagnana Canina a Casa Lunga ( casa detta Il Lungo a Colle Alberti) fino a Bassa e a Lontraniano (Ontraino). E’ probabile che Pagnana, S. Pierino e Ontraino si trovassero sulla sinistra dell’Arno.
Colle Pietra, ubicato in prossimità di Casa al Vento, ritornò in possesso dei Conti Guidi i quali, nel 1255, lo vendettero a Firenze che poté spostare i suoi confini fino a Fucecchio, allora sotto la Dominante Lucca.
Nel 1286 Colle alla Pietra era diventato un Comune denominato Comune di Colle di Pietra. Proprio in questa data ne vennero fissati i confini col Comune di Fucecchio.
Nel 1247 il Comune di di Colle di Pietra annoverava il seguente numero di nuclei familiari:

- 16 nuclei a S. Stefano di Corliano e a S. Bartolomeo di Gavena
- 19 nuclei a S. Maria Gonfienti di Bassa
- 04 nuclei a S. Leonardo di Colle di Pietra
Nel 1774 il Comune di Colle di Pietra venne incorporato da quello di Cerreto Guidi.

 

Il 25 aprile 1118 venne sottoscritto un atto di donazione da parte di massaia, moglie del defunto Alberto di MUSCIORO, un ministeriale o funzionario degli ultimi due conti cadolingi, Uguccione ed Ugo.
Alberto di Muscioro recitò una parte di rilievo nella storia della Fucecchio cadolingia. Egli compare come testimone negli atti politici più importanti. Insieme al vescovo di Lucca andò dal papa Urbano II a sollecitare l’erezione della Pieve di Fucecchio(1089) Presenzia a tutte le donazioni dei due Cadolingi in veste di testimone. Viene addirittura proclamato vassallo dei Cadolingi.
Nel 1114, dopo la morte del conte Ugo, compare tra i testimoni dell’atto con cui i suoi esecutori testamentari liquidano un debito di 1300 soldi contratto con il monastero di S. Salvatore per dare degna sepoltura alla salma del conte Ugo. Nell’aprile 1118, pochi giorni prima di morire, Alberto di Muscioro effettuò una permuta di terre con l’abate Rolando del monastero di S. Salvatore.
È presumibile che il più antico POZZO di Fucecchio, quello di MUSCIORO, collocato all’incrocio fra Via La Marmora e Corso Matteotti, sia appartenuto a questo Alberto.
Nel 1500 il pozzo di Muscioro venne incorporato nel palazzo del Paperini che discendeva dalla famiglia di Cecco di Muscioro.

 

HOME PAGE

Territorio
Cenni storici
Arte e Cultura
Come arrivare
 
le RICERCHE di
Mario Catastini
Centro Storico
Almanacco storico
Enciclopedia
Guerra del 1944
la Fucecchio che non c'è più
Storia di Fucecchio
Corale di S. Cecilia
Arciconfraternita di Misericordia
GUIDE
Chiesa La Vergine
Chiesa Collegiata
Chiesa S. Salvatore
Chiesa delle Vedute
 
VIDEO
 
il Palio
le Contrade
 
Ospitalità
Numeri utili
Stradario
Aziende
 
Le Tue Foto
Fotografie
Cartoline
Pubblicazioni
 
Links
 
Contatti
 


 

TORNA  ALL'INDICE


fucecchionline.com ®  2002 - 2015

Immagini della Toscana www.toscanavacanzeviaggi.it
Ospitalità in Toscana www.retetoscana.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale.
Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della L. n. 62 del 7 marzo 2001